COVID19 – volgere il vincolo in opportunità

COVID19 – volgere il vincolo in opportunità

26 Febbraio 2020
|

English Version disponibile

Abbiamo a che fare col coronavirus, ne avremmo tutti fatto volentieri a meno, ma ora c’è quindi non facciamoci prendere dal panico e vediamo di capire se ne possiamo trarre qualche spunto positivo, al netto del forte rischio cui è sottoposto chi purtroppo lo contrae.

smartworking: sembrava una cosa strana, letta sulle riviste o teorizzata in qualche convegno dal relatore di una multinazionale ultra progredita; oggi la psicosi collettiva (ammettiamolo che c’è) ha imposto a tutti da una parte di applicarlo, non solo talora e svogliatamente, ma anche e soprattutto di riflettere sulle cose importanti da fare, sulle meno urgenti e, in fondo, anche sulle superflue. Stiamo ripensando i #processi di lavoro in ottica di efficientamento: questo è un lato positivo.

crisi economica: è indubbio che le ripercussioni del coronavirus impattino pesantemente su tutte le filiere; questo ci sta facendo riflettere come la globalizzazione sia ormai parte integrante della nostra quotidianità. Forse, constatare concretamente la dipendenza che ormai abbiamo con questa realtà, ci può aiutare a riflettere sul tema con un approccio meno ideologico e più pragmatico. Perché anche in questo caso si può meglio capire cosa sia inutile reperire da paesi lontani, cosa sia semplicemente sostituibile e cosa sia invece ormai parte integrante e non più regredibile nella nostra visione di progresso sostenibile e fatto di comfort non più rinunciabili. Affrontare questi temi in maniera meno ideologica e più pragmatica (o realistica se preferite) è sicuramente un altro lato positivo.

Codogno: quanti di noi sapevano dove fosse questa cittadina prima della scorsa settimana? Direi pochi, onestamente. Tuttavia il contatto (non necessariamente contagio) degli abitanti di questa cittadina con il resto d’Italia appare strabiliante, sembra sia emersa un’isola dal mare. Ma altro non è che la conferma che siamo tutti estremamente interdipendenti e quindi anche nel nostro piccolo italiano, la globalizzazione, quantomeno dei trasporti è una realtà, ma anche degli scambi non solo economici: ci sono 44 sbandieratori di #Levanto in Liguria che sono stati a Codogno in questi giorni. Si trattava di un’iniziativa turistica, ma soprattutto di scambio culturale. Anche questo aspetto di “melting pot” tra popoli (per citare Sir Robert #Baden #Powell) è un altro aspetto positivo.

D’altronde, “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior” parafrasando il grande Faber. Occorre cercare di trarre insegnamento da questa triste vicenda, io credo.

Di Corrado Alia

 

COVID19 – turning the constraint into an opportunity

We are dealing with coronavirus, we would have happily done without it, but here we are, therefore let’s not panic and try to understand if we can draw some positive ideas from this situation, not forgetting how risky it is to contract.

smartworking: it seemed a strange thing, read in magazines or theorized in some conferences by the speaker of an ultra-advanced multinational company; today collective psychosis (let’s face it) has forced everyone to apply it, not only sometimes and listlessly, but also and above all, to reflect on important things to do, on the least urgent and, ultimately, also on superfluous. We are rethinking the processes of work with a view to improve efficiency: this is a positive side.

economic crisis: there is no doubt that the repercussions of the coronavirus impact heavily on all the supply chains; this is making us reflect on how globalization is now an integral part of our daily lives. Perhaps, concretely realizing the dependence we now have with this reality, can help us reflect on the topic with a less ideological and more pragmatic approach. Because even in this case we can better understand what it is useless to import from distant countries, what is simply replaceable and what is now an integral part and no longer regressable in our vision of sustainable progress made of comforts that can no longer be replaced. Addressing these issues in a less ideological and more pragmatic way (or realistic if you prefer) is certainly another positive side.

Codogno: how many of us knew where this town was before last week? Honestly, I would say only few people. However, the contacts (not necessarily infections) the inhabitants of this town had with the rest of Italy appear mind-blowing, an island seems to have emerged from the sea. This is nothing but the confirmation that we are all extremely interdependent even in our little Italian country, globalization, at least of transportation, is a reality, but also of exchanges, not only economic ones: there are 44 Levanto flag wavers in Liguria who have been to Codogno these past days. It was a tourist initiative, but above all it was a cultural exchange. Also this aspect of “melting pot” between people (to citate Sir Robert Baden Powell) is another positive aspect.

Furthermore, “nothing comes from diamonds, flowers are born from manure” paraphrasing the great De André. We must try to draw lessons from this sad story, I believe.

By Corrado Alia

You have successfully subscribed to the newsletter

There was an error while trying to send your request. Please try again.

Gamos s.a.s will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close