Counseling

counseling

La nostra società vanta la collaborazione di due counselor, una figura professionale ormai fondamentale per accompagnare individui o gruppi di lavoro in percorsi di crescita e cambiamento professionale, applicabile, ad esempio, a dipendenti e/o dirigenti.

Il counseling è stato definito in molti modi diversi, di seguito riportiamo la definizione della BACP, la British Association for Counselling and Psychotherapy:

“Il counselor può indicare le opzioni di cui il cliente dispone e aiutarlo e seguire quella che sceglierà. Il counselor può aiutare il cliente a esaminare dettagliatamente le situazioni o i comportamenti che si sono rivelati problematici e trovare un punto piccolo ma cruciale da cui sia possibile originare qualche cambiamento. Qualunque approccio usi il counselor [...] lo scopo fondamentale è l’autonomia del cliente: che possa fare le sue scelte, prendere le sue decisioni e porle in essere”.

 

Il counseling applicato all’organizzazione aziendale diventa strumento per:

• accrescere il benessere delle persone sul luogo di lavoro e dunque la produttività;
• migliorare la comunicazione in azienda;
• supportare i processi comunicativi all’interno dei team di lavoro;
• sostenere il lavoratore in occasione di una revisione aziendale interna, quale un cambiamento di ruolo, l’affidamento di nuovi incarichi o differenti mansioni;
• agevolare e promuovere la motivazione del personale e ridurre, così, ad esempio l’assenteismo (uno dei sintomi dello stress lavoro correlato).